Facebook
Home > Castelli > Castello dei Beraudo di Pralormo

Castello dei Beraudo di Pralormo


La prima costruzione risale alla fine del XIII secolo e faceva parte del sistema di fortificazioni di quest’area del Piemonte contesa tra i Biandrate e la città di Asti.
La riunificazione del feudo ad opera di Carlo Beraudo (1830), fu decisiva per un intervento di radicale restauro ad opera dell’architetto di corte Ernesto Melano, che seppe trasformare in elegante residenza signorile quello che era in origine un complesso fortificato costituito da due diversi edifici, uno superiore ed uno inferiore.

Del primitivo castello non restò che la parte posteriore, di cui venne sopraelevato un torrione per armonizzare l’edificio. L’intervento di Melano riguardò principalmente le facciate che furono intonacate per mascherare l’eterogeneità delle finestre via via aggiuntesi nei secoli. Il cortile centrale venne coperto grazie ad un lucernario e trasformato in ampio salone; all’esterno vennero eliminati il ponte levatoio e il fossato perimetrale.
Sempre in quegli anni il piccolo giardino di rose (già citato nelle cronache del 1500) venne trasformato dall’architetto Xavier Curten in un’elegantissimo parco all’inglese.
Verso la fine del secolo il nipote del ministro, anch’egli di nome Carlo, fece edificare l’Orangerie, la serra di vetro, e l’imponente cascina (1875).
Il castello è tuttora dimora della famiglia Beraudo e non è visitabile, mentre vengono periodicamente aperte al pubblico le pertinenze in occasione di eventi culturali.

Comune: Pralormo
Provincia: TO



realized by  Acktel S.r.l.