Facebook
Home > Altri_Comuni > Penango

Penango



Penango

Penango si trova lungo la strada provinciale (ex statale) n. 457 che unisce Asti a Casale Monferrato, a 19 chilometri da Asti.
Dista 2 chilometri da Moncalvo e 1,5 chilometri da Calliano.
Il capoluogo è posto a circa un chilometro dall'incrocio con la provinciale (sulla sinistra della stessa provenendo da Asti).
La frazione Cioccaro è invece situata a destra della s. p. 457: le prime case della borgata Cantoglio si trovano a 500 metri circa dal bivio con la provinciale 457.

Il Comune di Penango in data 27 dicembre 2012 ha aderito alla convenzione con i Comuni di Moncalvo, Grazzano Badoglio, Castelletto Merli e Odalengo Piccolo.
Le prime tre funzioni convenzionate sono: trasporti, polizia locale e catasto.

Il toponimo Penango, così come tutti quelli, molto frequenti in zona, che terminano in -engo, -ango, -ingo, è di evidente origine longobarda.
Il Niccolini, curioso viaggiatore di fine Ottocento, riferisce che simili toponimi sarebbero di derivazione cimbrica, giacchè tali popolazioni, sconfitte da Mario ai Campi Raudii presso Vercelli nel 101 a. C., si sarebbero disperse alla destra del Po, sui colli più alti del Monferrato.
A favore dell'origine longobarda depongono alcuni ritrovamenti di piccole necropoli barbariche, il più importante dei quali in località  Santo Stefano Lunario (Santa Maria) in una proprietà  dell'avvocato Minoglio è stato descritto da Alfredo D'Andrade (1899).
La prima volta che il nome Penango compare in un documento sarebbe il 961, data della donazione da parte di Aleramo al monastero di Grazzano di vari beni, tra cui due rustici "in loco et fundo Penengi". Qualche anno dopo, nel 998, sarà  citato come Peningum.
Proprietà , come Moncalvo, della potente Chiesa d'Asti, passò poi ai Paleologi, che nel 1479 diedero in feudo a Giacomo Boetto i cantoni di Penango, Cioccaro (con Santa Maria) e Patro.
I Gonzaga, subentrati alla dinastia paleologa, nel 1559 concedettero tali territori alla famiglia Boveri.
Durante il secolo XVII anche Penango subì i danni delle frequenti e cruente guerre per la successione in Monferrato: quale dipendenza rurale della più "urbanizzata" Moncalvo, subì saccheggi e salassi continui per le somministranze alle truppe d'occupazione: ancora nel 1691 dovette sopportare il passaggio delle truppe alleate del principe Eugenio di Savoia, impegnate nella guerra contro il re di Francia.
Nel 1704 il duca Ferdinando Carlo di Gonzaga, a corto di denari per finanziare le campagne militari, dovette vendere in feudo i tre cantoni di Penango, Cioccaro e Patro al marchese Giovanni Gualberto di Campistron: nasce così la Comunità  amministrativamente autonoma, separata dalla vicina Moncalvo, che l'8 novembre 1704 nel corso dell'assemblea dei "capi di casa" designa i suoi rappresentanti in Consiglio.

Provincia: AT
E-mail:
Web: Visita il sito

Alberghi
  Relais Sant'Uffizio Wellness & Spa

Wellness
  Relais Sant'Uffizio Wellness & Spa



realized by  Acktel S.r.l.